Un amore del passato è rivissuto attraverso il racconto fatto dal nonno al nipote.
Lucia Lucente

Ieri, 18 Giugno, si è tenuto , presso la Biblioteca Comunale di S. Giovanni in Fiore, nell’ ambito dell’ iniziativa, “Cultura in Fiore-Letture Florensi “, l’ ultimo appuntamento con la presentazione del libro “Un amore di altri tempi” di Francesco Loria. Presenti, oltre l’ autore, l’ assessore alla cultura, Antonello Martino, che ha porto i saluti istituzionali e il nostro direttore, Antonio Mancina, in qualità di moderatore.
Nel vasto panorama letterario contemporaneo, l’opera in questione emerge come un affresco narrativo di spiccato interesse, intessuto con maestria e sapienza. L’autore dipinge un quadro umano di straordinaria complessità, scandagliando, con acume, le profondità dell’animo e le pieghe più recondite dell’esistenza.
Il linguaggio, elegante e perfettamente aderente al testo, si dispiega in un’armoniosa sinfonia di parole, che avvolgono il lettore in un forte abbraccio, trasportandolo in un viaggio nel passato emozionante e nostalgico. Le descrizioni, minuziose e vivide, rivelano un’attenzione ai dettagli, che rasenta la meticolosità di un miniaturista, mentre i dialoghi, incisivi e pregnanti, risuonano di verità profonde e universali.
I personaggi, tratteggiati con abilità psicologica rara, vivono e respirano tra le pagine, incarnando il modus vivendi sia del
passato che del presente. L’intreccio narrativo, sapientemente orchestrato, si dipana con una lentezza meditativa, che invita alla riflessione, senza mai scadere nella prolissità o nel superfluo.
Tematiche universali come l’amore, la ricerca del senso della vita e la lotta contro le avversità, assieme al valore del duro lavoro, sono affrontate nell’opera con una sensibilità e una delicatezza straordinarie, capaci di commuovere e affascinare profondamente il lettore. Ogni personaggio e ogni situazione sono tratteggiati con attenzione ai dettagli emotivi e psicologici, che permettono di entrare in empatia e di riflettere sulle proprie esperienze di vita. L’autore riesce a esplorare questi argomenti senza cadere nel banale, anzi, arricchendo la narrazione con sfumature e profondità, che rendono l’opera particolarmente toccante.
In definitiva, il testo si configura come un vero e proprio inno alla resilienza dello spirito umano e alla potenza dell’ Amore, forza primigenia ed eterna. Attraverso le vicende dei protagonisti, infatti, si percepisce una “ virtus”interiore, capace di emergere anche nei momenti più bui, inseguendo la luce persino nelle tenebre più fitte. Questo messaggio di speranza e di perseveranza risuona in tutto il libro, invitando a non arrendersi di fronte alle difficoltà e a continuare a cercare il senso e la bellezza della vita, nonostante le sfide e le sofferenze. L’opera diventa, così, un faro di ispirazione, che illumina il cammino e ricorda che la capacità di rialzarsi e di andare avanti è insita in ognuno di noi.