Pizzicati mentre pescavano con strumenti illeciti sulla Sila cosentina.

CONDIVIDI

Due persone sono state individuate dagli agenti della Polizia Provinciale di San Giovanni in Fiore mentre in Sila, sulle rive del lago Arvo a Nocelle, stavano utilizzando uno strumento di pesca proibito, che gli aveva già consentito di catturare 10 kg di novellame di pesce Persico. Sottoposti a sequestro tutto il pescato e gli strumenti illeciti mentre i trasgressori si sono visti comminare una pesante sanzione ciascuno, di fatti stavano utilizzando strumenti non consentiti, avevano pescato specie ittiche sotto misura ed esercitavano l’attività piscatoria in una zona tra l’altro non permessa, in quanto allo sbocco di un canale. A comunicarne la notizia sono i pescasportivi della Sila, che già da qualche tempo avevano segnalato alla Polizia Provinciale, alcuni comportamenti che si stavano ripetendo soprattutto nelle acque del lago Cecita ma anche in altri posti del vasto altipiano. La risposta delle divise blu non si è fatta attendere, infatti nelle ultime settimane, i poliziotti provinciali operanti sulla Sila ed afferenti al distaccamento di San Giovanni, hanno intensificato i controlli e sono scattate numerosissime sanzioni a carico di chi non rispetta le regole e le varie norme sull’esercizio alieutico, nell’esclusivo interesse dell’ambiente e di chi correttamente esercita la pesca sportiva.

Comments

comments